Una noche

In quest’istante nella stanza affianco, una tribù di francesi, canta sulle note di una chitarra e di un mandolino: hanno bevuto e fumato, come porci. Il fumo e le voci avvolgono i corpi, le risa confondono i suoni; il suo viso però, di una bellezza esotica e al tempo stesso noto, mi cattura all’istante, è di Tahiti, è identica a un amore scaduto da tempo, una riflessione che scivola via veloce nell’atmosfera di festa, noto con cinica distaccata soddisfazione.
E come sempre la mente vola a questa vita così terribilmente lontana da ciò che mi hanno insegnato, da quello che si può apprendere da un aneddoto, da un libro, da un film. Mi trovo testimone di una generazione viva e pulsante, che nessun surrogato è mai riuscito a raccontare.

E come sempre mi scappa un sorriso.

G

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...